Castello di Vezio, percorso a piedi da Varenna alla fortificazione longobarda.

La salita verso il Castello di Vezio riserva un magnifico panorama sul lago di Como e delle Prealpi lombarde. Ai piedi di questa fortificazione longobarda, ma di fondazione romana, vi è Varenna, piccolo borgo di pescatori.
Una passeggiata sul lungolago di Varenna è molto piacevole, ma si può fare di più. Basta salire di qualche centinaio di metri sullo sperone roccioso che la domina e scoprire i resti di un castello longobardo fra le mira del castello di Vezio.

Per raggiungerlo a piedi dalla stazione ferroviaria basta salire la scalinata e raggiungere la strada carrozzabile e da questa al ponte che si attraversa tenendosi a sinistra. Giunti vicino a un ristorante, si imbocca a sinistra il sentiero che porta al castello.


A questo punto la stradina si fa ripida ma raggiunge il castello in un quarto d'ora.
Dopo aver raggiunto un lavatoio, le indicazioni suggeriscono di svoltare a destra, lungo una stradina stretta in cui vi è il negozio artigianale "Le Ceramiche di Vezio", dove si possono acquistare interessanti oggetti in ceramica e vetro opera di un artista locale.

Dopo il negozio si prosegue fino alla piazza della chiesetta di Sant'Antonio Abate e a un caratteristico e molto piccolo cimitero che sta accanto alla chiesa. A sinistra del piccolo cimitero, poco più avanti, si prende una scalinata oltre un cancello aperto.



Al Castello
La fortezza è costeggiata lungo il lato Nord da un viale che si snoda dalla biglietteria e dal piccolo bar. Proprio da questa parte inizia la spettacolare veduta sul lago e sulle montagne circostanti. Proseguendo verso sinistra, una scalinata vi porterà al "Giardino degli ulivi", dove si respira un clima mediterraneo, nonostante la vicinanza con le Alpi.

Giunti alla fortificazione, un falconiere vi farà conoscere i rapaci del castello: barbagianni, gufi, poiane e falchi. A questo punto possiamo entrare nella torre e raggiungere la parte più alta dell'edificio, dove il panorama vi lascerà a bocca aperta.



Una volta scesi dalla torre si può tornare indietro raggiungendo il Giardino degli Ulivi e da lì percorrendo il sentiero di sinistra verso Sud si giunge all'ingresso dei sotterranei, un avamposto della Linea Cadorna, che durante la Grande Guerra, avrebbe dovuto difendere i confini da un eventuale attacco tedesco.

Dopo questo tuffo nella memoria più recente, si risale al Giardino degli Ulivi e si ritorna al bar/biglietteria percorrendo lo stesso viale che avevamo percorso per l'andata al castello.

Scheda tecnica
Dislivello: 160 m
Durata: 20 minuti
Periodo: tutto l'anno
Difficoltà: medio-facile.

Se avete bambini molto piccoli o anziani con voi, il castello può essere raggiunto in auto attraverso una strada che si inerpica lungo l'altura. Si può parcheggiare poco prima del negozio di ceramiche e da lì percorrere una piacevole passeggiata (leggermente in salita) per poche centinaia di metri.




Informazioni:
Associazione turistica Castello di Vezio
www.castellodivezio.it

Per raggiungere il punto di partenza:
In auto, da Milano (93 km), SS36, uscita Varenna, poi SP62 e SP72.

Info Castello
348 8242504
info@castellodivezio.it

Info Bar - Ristorante
333 4485975